Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Reply

HUMIRA, Ecco alcuni risultati

« Older   Newer »
view post Posted on 7/1/2004, 13:58 Quote
Avatar

Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Group:
Administrator
Posts:
5,248

Status:


Salve a tutti, vi riporto i dati della sperimentazione attualmente in corso di uno degli ultimi farmaci biologici.

Novità nella Terapia dell'Artrite Reumatoide
Profilo di sicurezza di un nuovo antagonista del TNF-alfa : Humira


L’Adalimumab ( Humira ) è un anticorpo monoclonale umano, che agisce come antagonista del TNF-alfa, una citochina coinvolta nella cascata infiammatoria.
Il farmaco trova indicazione nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Gravi infezioni e sepsi, tra cui alcune mortali, sono state riportate dopo l’impiego degli anticorpi del TNF-alfa.
La maggior parte delle gravi infezioni sono accorse nei pazienti che erano trattati in modo concomitante con terapia immunosoppressiva, in aggiunta al trattamento contro l’artrite reumatoide.
Con tutti gli antagonisti del TNF-alfa, compreso l’ Adalimumab, è stata osservata la comparsa di tubercolosi e di infezioni fungine opportunistiche invasive.

L’impiego degli antagonisti TNF-alfa, tra cui l’ Adalimumab, è stato associato a rari casi di esacerbazione dei sintomi clinici e/o a evidenze radiografiche di malattia demielinizzante.

Sono stati anche osservati casi di linfoma.

Tra i 2468 pazienti con artrite reumatoide trattati nel corso di studi clinici con l’ Adalimumab per una durata media di 2 anni, sono stati riscontrati 48 tumori di vario tipo, tra cui 10 linfomi.
I pazienti che soffrono di artrite reumatoide presentano un rischio di insorgenza di linfomi fino a 7 volte maggiore rispetto alla popolazione generale.

L’incidenza di infezione con l’ Adalimumab è stata pari a 1 paziente/anno contro lo 0,9 nel gruppo placebo.
Le più comuni infezioni osservate hanno interessato il tratto respiratorio superiore ed il tratto urinario.
La percentuale di gravi infezioni è stata dello 0,04 paziente/anno nel gruppo Adalimumab contro lo 0,02 nel gruppo placebo.
Le gravi infezioni comprendevano: polmonite, artrite settica, infezioni protesiche, erisipela , cellulite, diverticolite e pielonefrite.
Nel corso degli studi clinici si sono avuti 13 casi di tubercolosi, che si sono presentati entro i primi 8 mesi di terapia.

Negli studi controllati il 12% dei pazienti trattati con Adalimumab ed il 7% dei pazienti trattati con placebo, che al basale erano negativi per gli anticorpi antinucleo, sono diventati ANA positivi a 24 settimane.
Un paziente trattato con Adalimumab ha manifestato segni riconducibili ad una sindrome lupus-simile di nuova insorgenza. Il paziente è migliorato dopo la sospensione della terapia.
Non è noto l’impatto del trattamento prolungato con Adalimumab sullo sviluppo delle malattie autoimmuni.

Non è nota l’immunogenicità nel lungo periodo dell’ Adalimumab.
Circa il 5% ( 58/1062 ) dei pazienti con artrite reumatoide trattati con Adalimumab, ha sviluppato anticorpi contro il farmaco.
I pazienti trattati con l’associazione Adalimumab e Metotrexato hanno presentato una più bassa percentuale di sviluppo di anticorpi rispetto ai pazienti trattati solamente con Adalimumab ( 1% versus 12% ). ( Xagena 2003 )


Non so voi come la pensate, ma non c'è da stare molto allegri.
Questo è uno dei motivi per cui bisogna andare coi piedi di piombo quando si parla di cure miracolose.

Un abbraccio
Stefano

<b>[color=blue]STEFANO SPELTA
WWW.REUMATOIDE.IT
associazionereum@associazionereum.191.it
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 7/1/2004, 23:29 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Member
Posts:
3,439

Status:


oltre al fatto che sto sotto terapia di Methotrexate e, quindi dovrei essere immunodepressa, a leggere dell'Humira mi sono totalmente depressa!
 
PM Email  Top
view post Posted on 8/1/2004, 10:51 Quote
Avatar

Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Group:
Administrator
Posts:
5,248

Status:


Carissima Letizia, hai ragione non c'è da rallegrarsi leggendo i vari effetti collaterali dell'Humira, ma pensa che 10 anni fa non esistevano questi farmaci.
Oggi sono una speranza in più, probabilmente verranno, negli anni, migliorati......incrociamo le dita e speriamo in un futuro migliore.

Con affetto
Stefano

<b>[color=blue]STEFANO SPELTA
WWW.REUMATOIDE.IT
associazionereum@associazionereum.191.it
 
PM Email Web  Top
rosaria1956
view post Posted on 13/1/2004, 19:50 Quote




Caro Stefano, grazie per i suggerimenti, come vedi sono riuscita a registrarmi. In merito a HUMIRA, da luglio 2003 io sono in terapia con questo farmaco. Volevo chiederti se sai di qualche sito (anche in inglese eventualmente) dove siano pubblicati i risultati della ricerca sull'utilizzo dei biologici. Se non c'è nulla del genere, non credi che sarebbe il caso che i centri autorizzati si attrezzassero in tal senso. Tu che ne pensi, avremmo così la possibilità di conoscere i risultati ottenuti con l'utilizzo di questi farmaci in tempi brevi. Magari il Min. della Sanità potrebbe interessarsi alla cosa e mettere on line i risultati del prog. Antares.
Ciao. Rosaria
 
Top
view post Posted on 14/1/2004, 12:57 Quote
Avatar

Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Group:
Administrator
Posts:
5,248

Status:


Carissima Rosaria, intanto benvenuta nel forum dei Reum-Amici.
La domanda che poni è lecita ed interessante, effettivamente non sono ancora stati diffusi i primi dati relativi al progetto Antares relativo cioè all'utilizzo dei farmaci biologici.
Sicuramente sarà tema della discussione di Siena nell'incontro con il prof. Marcolongo presidente della Limar (Lega Italiana Malattie Reumatiche). Purtroppo ad oggi l'informazione a tal proposito è scarsa ed a volte imprecisa, mi attiverò nei prossimi mesi affinchè si faccia un pò di chiarezza, probabilmente sarà tema di discussione di "Marzo" del sito www.reumatoide.it
Ringraziandoti dell'interessante tuo intervento, ti invito a ritornare nel forum quanto prima, avrai modo così di conoscere gli altri reum-amici e scambiare così con loro quattro chiacchere.

Un abbraccio sincero
con affetto
Stefano

<b>[color=blue]STEFANO SPELTA
WWW.REUMATOIDE.IT
associazionereum@associazionereum.191.it
 
PM Email Web  Top
rosaria1956
view post Posted on 14/1/2004, 19:36 Quote




Caro Stefano, ho trovato questa pagina:http://www.italiasalute.it/News.asp?ID=5233 in merito a HUMIRA.
Qui dice che Adalimumab è stato approvato dall'EMEA a settembre 2003, io invece ho iniziato la terapia a luglio 2003, e parla di "primi risultati".
Conosci questo sito? lo giudichi attendibile? Contiene anche altre notizie sull'A.R. ma, almeno mi sembra, non recentissime.
Grazie e ciao. Rosaria
 
PM  Top
view post Posted on 15/1/2004, 12:25 Quote
Avatar

Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Group:
Administrator
Posts:
5,248

Status:


carissima Rosaria, conosco molto bene questo sito, e il relativo articolo sull'Humira.
Sicuramente questi farmaci in particolare l'Humira, rappresentano una speranza in più per i malati reumatici, ma occorre tenere in considerazione un fatto non da trascurare:
La sperimentazione di tali farmaci è relativamente recente, sicuramente i risultati clinici sono stati positivi, occorre però valutare nel tempo gli effetti negativi di tali farmaci sull'organismo.
Richiederò alla S.I.R. i dati relativi allo studio ANTARES condotti sino ad oggi, il tutto verrà pubblicato (spero) nel mese di Marzo ad incontro avvenuto con il Prof. Marcolongo.

a presto
Un abbraccio sincero
con affetto
Stefano

<b>[color=blue]STEFANO SPELTA
WWW.REUMATOIDE.IT
associazionereum@associazionereum.191.it
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 20/3/2004, 19:51 Quote
Avatar

Member

Group:
Member
Posts:
877
Location:
Treviso

Status:


Ciao, vorrei chiedere tra i vari HUMIRA , EMBREL e REMICADE quale potrbbe essere il + efficace e - dannoso?
Io sono in cura da ormai 3 anni con il Remicade, devo dire ke funziona ma dopo 4/5 sett tornano i dolori , e sono forti!
dovrò continuare x tutta la vita, finke nn troveranno qualkosa di + forte?
grazie mille Stefano 6 davvero in gamba. ciao
Sere

image
"Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno."
 
PM Email  Top
view post Posted on 21/3/2004, 14:12 Quote
Avatar

Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Group:
Administrator
Posts:
5,248

Status:


Sono praticamente uguali, cambia il modo di somministrazione e non il loro effetto.
Ma oltre al Remicade quali altre cure fai?
Ti hanno associato il methotrexate?
Prende cortisone?
Antidolorifici?

Attendo tue gentili risposte.

con affetto
Stefano

<b>[color=blue]STEFANO SPELTA
WWW.REUMATOIDE.IT
associazionereum@associazionereum.191.it
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 21/3/2004, 19:44 Quote
Avatar

Member

Group:
Member
Posts:
877
Location:
Treviso

Status:


Attualmente prendo
Methotrexate 5 mg ogni 10 gg
il giorno dopo del mthx : levofolene 1 compressa
Metacen 50 2 al giorno ( prima di questo Bruffen e cmq ne ho provati tanti altri)
Coaprovel 150 1 al g (x l'ipertensione)
al bisogno Tachidol o Tachipirina, ma nn mi fanno niente quindi.... nn li uso.
Da parecchio ho sempre alti il livello transaminasi ALT , x questo mi hanno ridotto il mthx.
Gli ultimi esami sono tutti nella norma, anche se rispetto a gennaio sono aumentate VES da 12 a 16 ; P CREATINA da 1,00 a 1,01 ;PCR da 0,26 a 0,45
Il cortisone ( Medrol) l'ho preso solo x 3 mesi all'inizio da nov 2000 a genn 2001, e in qualke rara occasione x sopportate i dolori, ora cerco di resistere senza.
AB-AUTOANTICORPI ANTI ANTIGENI NUCLEARI ESTRAIBILI ............. negativo
AB-AUTOANTICORPI ANTI DNA NATIVO (ds DNA)......... negativo
AB-AUTOANTICORPI ANTI NUCLEO (ANA)........................ positivo 1/160 OMOGENEO

grazie di tutto e ancora ......domani sono con te!
ciao con affetto Sere

image
"Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno."
 
PM Email  Top
roby1010
view post Posted on 14/4/2004, 19:48 Quote




Ciao. Sono nuovo di questo forum e quindi è giusto presentarmi. Mi chiamo Roberto ed ho quasi 30 anni. Mi è stata riscontrata l'A.R. circa un anno fa e sono in cura da circa 2 mesi con Humira. Devo dire che funziona veramente, è stata l'unica medicina a darmi sollievo, anzi, a farmi sparire completamente dolori e gonfiori, fino ad oggi. Certo che leggendo gli effetti collaterali su questo forum mi sono un po' spaventato. Ho sentito parlare del CMO (Cetilmiristoleato ). Dicono che sia veramente efficace e soprattutto naturale. C'è in giro un prodotto che si chiama Nutri-plus che ha come componente il Cetilmiristoleato ed è consigliato per varie forme di artrite e artrosi. Ne avete sentito parlare? Un saluto a Stefano. E' veramente bello quello che stai facendo con questo forum.
 
Top
view post Posted on 14/4/2004, 23:04 Quote
Avatar

Member

Group:
Member
Posts:
676

Status:


Il Cetilmiristoleato lo conosco molto bene, in quanto è l'ingrediente top di un prodotto che sto utilizzando da qualche tempo anch'io ( un prodotto di un'azienda americana). La quantità che uso io è di 1500 mg al giorno.E' assolutamente naturale.
La capsula che lo contiene, è composta anche di altri ingredienti: glucosamina, curcumina, lecitina e il msm (metilsulfonilmetano).
E' un ottimo ingrediente, perchè realmente funziona. Ma ripeto, io non lo uso da solo, ma assieme ad altri nutrienti.
E' importante infatti apportare al corpo tutti i nutrienti necessari per coprire ogni possibilità di manifestazione dei sintomi.
Per tanto, questo CMO da solo non fa molto.

Questo ingrediente ha tre funzioni principali :
- ridurre l'infiammazione
- è un modulatore delle reazioni immuni troppo attive
- il Cetilmiristoleato fornisce un effetto analgesico, riducendo il dolore. Il cetil miristoleato sembra abbia l’abilità di correggere l’equilibrio negli acidi grassi essenziali creati dall’infiammazione cronica.

Gli ingredienti addizionali del prodotto che uso io e che complementano il cetil miristoleato sono:

- solfato di glucosamina – materia prima per lo sviluppo della cartilagine
- curcumina – un potente antiossidante e agente anti infiammatorio di tumerica
- MSM – fornisce lo zolfo, un minerale necessario per fare collegamenti di proteina nella matrice della cartilagine.
- Lecitina – una copertura che aiuta nella scomposizione e assorbimento del cetil miristoleato.

Spero sia sufficiente. Ho provato a cercare tutti questi ingredienti qui in Italia, ma non ho trovato nessun prodotto che in una unica capsula li racchiuda tutti. Per cui, continuo a prendere questo prodotto americano, sono riuscita a trovare un distributore in europa.

Ciao , un caro saluto, Sabrina



Sanación con Amor

 
PM Email  Top
view post Posted on 15/4/2004, 01:28 Quote
Avatar

Malattie Reumatiche: Artrite Reumatoide

Group:
Administrator
Posts:
5,248

Status:


Grazie Roberto e grazie Sabrina per la tua risposta efficace e completa.
Benvenuto tra noi e grazie per i complimenti al forum.

con affetto
Stefano

<b>[color=blue]STEFANO SPELTA
WWW.REUMATOIDE.IT
associazionereum@associazionereum.191.it
 
PM Email Web  Top
roby1010
view post Posted on 15/4/2004, 10:55 Quote




Grazie Sabrina per la tua risposta veloce e precisa. Quindi tu mi confermi che stai prendendo solo prodotti naturali senza bisogno di prendere cortisone o fare cure biologiche? Prendi proprio il Nutri-plus?
 
PM  Top
view post Posted on 15/4/2004, 17:53 Quote
Avatar

Member

Group:
Member
Posts:
676

Status:


No, non si tratta dello stesso prodotto, del nutri- plus, ma qualcos'altro.

Attualmente sto prendendo i nutrienti in abbinamento purtroppo ad un po' di cortisone e salazopirina, in quanto fino a due anni fa non prendevo niente, poi un reumatologo per via del problema al ginocchio, mi ha fatto riprendere tutto e quindi , solo ora sto veramente bene e tra un po' ridurrò il cortisone. Prendo 5 mg al giorno di Deltacortene, non è molto ma è sempre cortisone.
Io dico sempre di prendere i nutrienti in abbinamento alla terapia farmaceutica di base, non perchè così funziona meglio, ma perchè non si deve interrompere una terapia già in corso.
Solo i risultati positivi potranno indurre il medico a far ridurre o eliminare i farmaci.
Se invece qualcuno non sta per fortuna sua prendendo farmaci, consiglio vivamente di prendere i nutrienti, che ripeto, non è solo questo prodotto, il Cetilmiristoleato, ma una serie di altri nutrienti importanti.
Bisogna comunque capire una cosa: si tratta di prodotti naturali che hanno bisogno del loro tempo per agire e contrastare gli effetti negativi dei farmaci e o della malattia. Per cui nonsi può pretendere o sperare di fare una prova di un mese o due. Bisogna continuare fino a che il corpo ritorni alle condizioni normali.
Nel mio caso, ho inserito anche i Tranfer Factors, e ci vorrà comunque ancora tempo prima di dire posso permettermi di smettere tutto. Per i risultati fantastici che ho, sono già ad un ottimo punto.

Le cure biologiche mi sono state proposte, ma poichè so che comunque danno i loro effetti .... ho tralasciato. Anche perchè sto prendendo appunto questi Transfer Factors con i nutrienti assieme alla cura farmacologica di base, tuttora in corso.

Spero ti sia sufficiente.

Un grande abbraccio, Sabrina

Edited by Sanacion - 16/4/2004, 01:17

Sanación con Amor

 
PM Email  Top
79 replies since 7/1/2004, 13:58
 
Reply